23 Gennaio 2022

Trova la risposta a qualsiasi domanda

Expand search form

Come si cura il Rhaphiolepis?

Il biancospino indiano (Rhaphiolepis indica) è un arbusto relativamente piccolo che cresce naturalmente in una forma ordinata e arrotondata. Nonostante il suo nome comune, non cresce solo in India. Viene dalla Cina e cresce anche in altre parti dell’Asia e dell’Australia. È una grande scelta paesaggistica per i climi più caldi per crescere come siepi, piantagioni di fondazione, e altro ancora. Funziona bene anche come pianta da contenitore.

Questo arbusto sempreverde ha un fogliame leggermente bronzeo che matura in un colore verde intenso. Le sue foglie oblunghe sono lunghe da 2 a 4 pollici con una struttura coriacea e bordi seghettati. In primavera, l’arbusto porta vistosi e fragranti fiori rosa chiaro o bianchi che crescono a grappoli. I fiori sono a forma di stella con cinque petali. Piccoli frutti blu scuro appaiono dopo i fiori dell’arbusto e possono rimanere sulla pianta per tutto l’inverno, a meno che non vengano mangiati dalla fauna selvatica. Questo arbusto ha un tasso di crescita abbastanza lento e dovrebbe essere piantato all’inizio della primavera.

Nome botanico Rhaphiolepis indica
Nome comune Biancospino indiano
Tipo di pianta Arbusto
Dimensione matura 4-6 piedi di altezza e larghezza
Esposizione al sole Pieno
Tipo di suolo Umido, ben drenato
pH del suolo Acido, neutro, alcalino
Tempo di fioritura Primavera
Colore del fiore Rosa, bianco
Zone di resistenza 8-10 (USDA)
Area nativa Asia

Cura del biancospino indiano

Gli arbusti di biancospino indiano sono abbastanza facili da curare, a patto di piantarli in condizioni di crescita adeguate. Preferiscono un posto soleggiato con terreno ben drenato e un buon flusso d’aria. Se li piantate in un contenitore, è fondamentale usare un vaso con ampi fori di drenaggio e un terriccio sciolto. Le condizioni di umidità possono favorire le malattie negli arbusti.

Prevedete di annaffiare i giovani arbusti regolarmente per mantenere l’umidità del suolo uniforme. Gli arbusti maturi di biancospino indiano in genere hanno bisogno di acqua solo se avete un tratto senza precipitazioni. Inoltre, la concimazione e la potatura saranno in genere solo compiti annuali.

Arbusto di biancospino indiano con foglie oblunghe verde intenso che circondano boccioli rossi e gialli alla luce del sole

L’abete rosso / K. Dave

Arbusto di biancospino indiano che cresce in forma arrotondata vicino alla strada

L’abete rosso / K. Dave

Arbusto di biancospino indiano con foglie oblunghe cerose alla luce del sole

L’abete rosso / K. Dave

Rhaphiolepis indica in fiore

Luce

Questo arbusto dà il meglio in pieno sole, cioè almeno sei ore di luce solare diretta nella maggior parte dei giorni. Tuttavia, può tollerare l’ombra leggera, anche se sarà più sano e fiorirà meglio in pieno sole.

Il biancospino indiano può tollerare molti tipi di terreno, purché ci sia un buon drenaggio. Un terreno umido può causare il marciume delle radici dell’arbusto. Inoltre, preferisce un pH del terreno da leggermente acido a leggermente alcalino.

Acqua

Una quantità moderata di umidità del suolo è ideale per i biancospini indiani. I giovani arbusti preferiscono un terreno costantemente umido (ma non fradicio), mentre gli arbusti consolidati hanno una certa tolleranza alla siccità. Quando il terreno comincia a seccarsi a causa della mancanza di precipitazioni, dai una bella bagnata all’arbusto. Ma evitate di bagnare le foglie, perché il biancospino indiano è suscettibile alla macchia fogliare, un termine generico per indicare una malattia fungina o batterica del fogliame che è spesso causata da troppa umidità. In inverno, quando il cespuglio non sta crescendo attivamente, riducete le annaffiature. L’appassimento delle foglie e degli steli è un buon indicatore che il cespuglio ha bisogno di bere.

Temperatura e umidità

Questo arbusto prospera in climi caldi con inverni miti. Si sa che tollera temperature fino a 5 gradi Fahrenheit, ma il freddo prolungato può danneggiare il fogliame e persino uccidere la pianta. Sul lato caldo, l’arbusto può sopportare temperature fino agli anni ’90. Preferisce una moderata quantità di umidità.

Fertilizzante

Gli arbusti di biancospino indiano non sono grandi mangiatori. Tuttavia, beneficeranno di un’alimentazione in primavera con un fertilizzante universale a lento rilascio. Anche il compost mescolato nel terreno intorno al cespuglio può incoraggiare una crescita sana.

Varietà di biancospino indiano

Ci sono diverse varietà di biancospino indiano, tra cui:

  • Rhaphiolepis indica ‘Little Pinkie’: Questa varietà ha fiori rosa e può fiorire due volte l’anno in primavera e in autunno. Cresce solo fino a circa 2 metri di altezza e ha un fogliame verde grigiastro.
  • Rhaphiolepis indica Principessa indiana’: Questa varietà cresce fino a circa 4 piedi di altezza e larghezza, e porta sia fiori bianchi che rosa con fogliame verde brillante.
  • Rhaphiolepis x ‘Montic’: Questo ibrido è più grande del tipico arbusto, crescendo fino a 24 piedi di altezza e 10 di larghezza. Porta fiori rosa in primavera.

Rhaphiolepis indica 'Little Pinkie' fiorisce

Rhaphiolepis indica 'Indica Princess' fiorisce

Potatura

Questi arbusti non hanno bisogno di molte potature, in quanto crescono naturalmente in una forma a cumulo esteticamente attraente. Se volete modificare la forma del vostro arbusto, potatelo leggermente appena finito di fiorire. Potete rimuovere qualsiasi stelo morto, danneggiato o malato in qualsiasi momento dell’anno.

Parassiti/malattie comuni

Ai cervi piace spesso sgranocchiare gli arbusti di biancospino indiano. Quindi, se avete una grande popolazione di cervi nella vostra zona, probabilmente dovrete proteggere i vostri arbusti o considerare di piantare qualcos’altro. I biancospini indiani sono anche suscettibili ad alcuni insetti nocivi, compresi afidi, nematodi e cocciniglie. Fate attenzione ai danni o allo scolorimento delle foglie e usate uno spray di olio di neem organico per combattere qualsiasi infestazione. Inoltre, gli arbusti sono vulnerabili alle malattie fungine, che possono causare danni e perdite alle foglie. Prevenire tali malattie mantenendo il fogliame asciutto e assicurandosi che abbia una buona circolazione dell’aria.

Potresti anche essere interessato agli argomenti

Come si pota il Rhaphiolepis?

Potatura di Cosmic Pink™ Rhaphiolepis – YouTubeInizio della clip suggeritaFine della clip suggeritaQuindi una volta ogni tre o quattro anni è sufficiente, naturalmente, se si desidera una siepe più ordinata o una pianta a forma di palla più curataQuindi una volta ogni tre o quattro anni è sufficiente, naturalmente, se si desidera una siepe più ordinata o una pianta a forma di palla curata, allora la potatura annuale è necessaria potando dall’alto in basso è il metodo più semplice. | Tempo – 0:00 [Inglese]

Continua…

Come si cura la Rhaphiolepis?

Cura e manutenzione Questo arbusto non ha bisogno di cure particolari e cresce felicemente in un luogo soleggiato o parzialmente ombreggiato. Innaffiare regolarmente le nuove piante e quelle in vaso, specialmente quando è secco. Una volta che gli arbusti si sono stabiliti nel giardino, sono tolleranti alla siccità, ma apprezzano ancora le annaffiature occasionali nelle estati secche.

Continua…

Come si pota un cespuglio di biancospino?

Come tagliare gli arbusti di biancospinoTagliare l’arbusto indietro della metà quando è piantato. Fare i tagli circa 1/4 di pollice sopra un germoglio. … Tagliare i rami malati, morti o danneggiati in qualsiasi momento dell’anno. … Tagliare i rami per dare forma alla siepe in primavera dopo la fioritura.

Continua…

Posso tagliare il biancospino indiano fino a terra?

Un biancospino indiano può essere mantenuto entro i limiti per un certo numero di anni pizzicando le punte dei rami dopo la fioritura della pianta. La potatura della nuova crescita morbida a metà della sua lunghezza favorirà la ramificazione, rendendo l’arbusto più denso, e limiterà le dimensioni della pianta.

Continua…

Come si cura un cespuglio di biancospino?

Hanno bisogno di pieno sole, specialmente se vengono coltivati per le bacche commestibili, e di un buon drenaggio.Innaffiare gli alberi abbastanza da mantenere il terreno umido, non secco o fangoso. … Mantenere uno strato da 2 a 4 pollici di pacciame che copre la zona delle radici dell’albero. … Fertilizzare l’albero di biancospino con un fertilizzante 10-10-10 in primavera prima dell’inizio della nuova crescita.Altri articoli…

Continua…

Come posso rendere la mia siepe di biancospino più fitta?

Potete anche dargli una pacciamatura di compost ben marcio o di letame se il terreno non è gelato o secco. Concimate e pacciamate ogni anno e tenetelo regolarmente tagliato – una o due volte all’anno – per mantenere la forma, la dimensione e il vigore. Dovrebbe addensarsi e rinverdire bene.

Continua…

Perché il mio biancospino indiano sta morendo?

Il biancospino indiano è suscettibile al fuoco batterico, una malattia batterica che prospera in condizioni piovose o umide quando le temperature sono tra i 75 e gli 85 gradi Fahrenheit. Il fuoco batterico causa foglie e fiori appassiti, così come lesioni trasudanti note come cankers.

Continua…

Cosa dare da mangiare al biancospino indiano?

L’albero fiorisce in primavera, quindi dovrebbe essere nutrito con un fertilizzante completo, come un prodotto con una miscela di azoto-fosforo-potassio di 16-4-8, 12-6-6 o 12-4-8. Fertilizza l’arbusto una volta all’anno in primavera, dopo che l’ultimo gelo duro è passato e il terreno è lavorabile.

Continua…

La Rhaphiolepis è a crescita rapida?

Il biancospino di Yeddo (Rhaphiolepis umbellata) è una pianta a crescita rapida che può crescere fino a 10 piedi di altezza e larghezza. Il cespuglio porta fiori larghi 3/4 di pollice e foglie verde scuro che vanno da 1 a 3 pollici di lunghezza. … Questi fiori sono fragranti e si aprono in grappoli da metà aprile a maggio.

Continua…

Alle api piace la Rhaphiolepis?

Originaria della Cina, assorbe il sole ma sta bene anche all’ombra parziale. Considerata tollerante alla siccità, se la cava molto bene con acqua moderata o leggera, a seconda dell’esposizione e del clima. Con i fiori arrivano le api e con le bacche autunnali gli uccelli.

Continua…

Quando tagliare una siepe di biancospino?

Durante il secondo anno di impianto, tra febbraio e marzo, è il momento consigliato per la potatura dura delle siepi di biancospino. Tagliare la crescita della metà durante questi mesi per incoraggiare la nuova crescita. Rimuovi prima i rami morti, malati o rotti per mantenere la tua siepe ordinata e stimolare la nuova crescita.

Continua…

Il biancospino cresce all’ombra?

I biancospini crescono nella maggior parte dei terreni, al sole o all’ombra leggera. Tollerano i siti esposti e l’inquinamento urbano.

Continua…

Come ringiovanire una siepe di biancospino?

2 Risposte Rinnova la terra intorno, rimuovi le pietre, rimuovi le erbacce, rimuovi la vecchia terra (fino a scoprire un po’ di radici, come puoi). … Pulisci le piante, rimuovi tutti i rami morti fino alla radice, segando più in basso che puoi. … Rimuovere le piante malate o deboli e sostituirle con piante sane.Altri articoli…- 1 aprile 2013

Continua…

Come si cura una siepe di biancospino?

I biancospini sono alberi a bassa manutenzione, che richiedono poca cura e attenzione una volta stabiliti. Potrebbero aver bisogno di annaffiature durante i periodi di siccità prolungata in estate, soprattutto nei primi anni, per assicurarsi che si stabiliscano bene. Nutrirli con un fertilizzante granulare generale in primavera.

Continua…

Il biancospino indiano ha bisogno di pieno sole?

Le piante preferiscono il sole, anche se crescono in ombra parziale. Il biancospino indiano preferisce un terreno umido e ben drenato, ma gli arbusti consolidati tollerano la siccità. E’ tollerante alla salsedine e ai terreni sabbiosi ed è una buona scelta per le zone costiere. La potatura è raramente necessaria.

Continua…

Articolo precedente

La lidocaina è una sostanza controllata in Canada?

Articolo successivo

Come si gioca a 7 card brag?

You might be interested in …

Qual è la funzione dei macrofagi residenti?

I macrofagi residenti del tessuto adiposo scompaiono dopo l’infarto miocardico. A) Analisi dei componenti principali dei dati di sequenziamento dell’RNA che confronta i sottoinsiemi di macrofagi del tessuto adiposo viscerale (IVA) con altri macrofagi residenti […]

Qual è la differenza tra sha1 e md5?

MD5 e SHA1 sono gli algoritmi di hashing dove MD5 è migliore di SHA in termini di velocità. Tuttavia, SHA1 è più sicuro rispetto a MD5. Il concetto alla base di questi algoritmi di hashing […]