23 Gennaio 2022

Trova la risposta a qualsiasi domanda

Expand search form

Cosa è successo al reverendo James Moore?

Rev. James Moore (1956 – 2000)
Un tributo

Dopo aver sofferto per anni di un grave diabete e complicazioni, l’artista di Malaco/Savoy Rev. James Moore è stato ricevuto dal suo Signore e Salvatore Gesù Cristo il 7 giugno 2000 a Memphis, all’età di 44 anni. GospelFlava.com è stato benedetto da quest’uomo di Dio e dall’immenso talento musicale di cui era dotato e che Dio gli ha permesso di condividere. Gli rendiamo omaggio e ringraziamo Dio per la sua vita qui sulla terra.

Il Rev. James Moore era noto non solo per il suo incredibile talento vocale, ma per la sua capacità di mettere in canzone il suo amore, l’adorazione e la lode per il suo Signore. Con una voce potente e un talento per l’improvvisazione che non conosceva limiti, ascoltarlo cantare era semplicemente impressionante. Il suo amore per i suoni tradizionali della chiesa era leggendario, ma apprezzava anche il talento contemporaneo.

La carriera discografica di Moore iniziò con la Savoy Records nel 1974, ma aveva amato il Gospel e la musica Gospel fin dai suoi primi giorni a Detroit, dove imparò molto da Mattie Moss Clark, Elma Hendricks, James Cleveland, Richard White e altri. Diede anche molto credito al Gospel Music Workshop of America per la sua formazione (il GMWA gli assegnò una borsa di studio nel 1974). James Moore aveva l’abitudine di partecipare al workshop ogni anno, e spesso poteva essere visto tra la folla, fermandosi, testimoniando, parlando e sì, cantando a tutti quelli che incontrava.

Non ci volle molto tempo perché la nazione del Gospel si alzasse e prendesse nota di questo grande talento. Non molto tempo dopo il suo debutto I Thank You Master, Moore divenne molto richiesto, e ben presto iniziò ad apparire nei progetti di altri artisti, tra cui il rev. Gerald Thompson e Michael Fletcher. Fu attraverso la sua amicizia con il grande Frank Williams che Moore iniziò una lunga e stretta relazione con il Mississippi Mass Choir, apparendo nel loro progetto di debutto, e in molte successive registrazioni congiunte.

Alla fine degli anni ’80, la frequenza di registrazione di Moore aumentò drasticamente il suo ritmo, con numerosi album che raccolsero consensi sia dalla base che dalla critica. Tra questi, Live in Detroit, I Will Trust In The Lord e Live At Jackson State. Stellar Awards, classifiche Billboard e nomination ai Grammy seguirono presto.

Dopo aver sofferto ed essere sopravvissuto ad un attacco di cancro al colon a metà degli anni ’90, a James Moore fu poi diagnosticato il diabete, e subito dopo gli effetti debilitanti di questa malattia lo lasciarono cieco, costretto sulla sedia a rotelle e bisognoso di frequenti dialisi. Imperterrito, Moore ha continuato ad esibirsi e a registrare, ed è anche apparso in spettacoli teatrali Gospel. Il suo progetto più recente è stato registrato nell’estate del 1999, pubblicato nella primavera del 2000, ed è stato un ritorno a casa per lui, Family and Friends, Live in Detroit, dove si è unito a Vanessa Bell Armstrong, Darius Twyman e il suo collaboratore di lunga data, Rudolph Stanfield. (Vedi la recensione dell’album)

Di seguito ci sono alcuni tributi al Rev. James Moore da parte di alcuni esponenti dell’industria della musica gospel. Sentiti libero di lasciare il tuo tributo sul nostro forum di messaggi dedicato.

TRIBUTI DELL’INDUSTRIA

“Ti amiamo, Rev. James Moore. Ci manchi già, ma ci rallegriamo sapendo che un giorno ti vedremo di nuovo in cielo, e ti ascolteremo anche!” GospelFlava.com

“James Moore è stato uno dei più grandi vocalist di tutti i tempi. Ha avuto un grande impatto sulla mia vita e sul mio ministero. Ringrazio Dio per avermi dato la possibilità di conoscere James Moore come ‘Zio James’ e amico”. Bryan Wilson

“Quando parlo di cantare con una voce unta dall’alto, devo menzionare un nome in particolare. James Moore. Aveva una delle voci più consacrate che io abbia mai sentito nella comunità della musica gospel. Ha consegnato costantemente, e sono stato costantemente benedetto dal suo ministero nel corso degli anni. La sua perseveranza e la sua tenacia nel combattere attraverso le sue sfide personali e le circostanze è stata un incoraggiamento per tutti coloro che minacciano il Vangelo attraverso la musica. Siamo grati a Dio per averlo condiviso. Ti applaudo forte: “James, tu sei uno dei tesori della musica gospel. Grazie per aver condiviso i tuoi doni, condiviso i tuoi talenti e condiviso la tua anima con noi”. Steven Ford (produttore, SyRue Productions).

“Ho appena appreso la notizia della scomparsa del Rev. Moore solo poche ore fa, e devo dire che sono rimasto sbalordito. Ho visto James a Las Vegas circa un mese fa, e mi sono avvicinato a lui, gli ho toccato il braccio e l’ho salutato. Nel momento in cui ha sentito la mia voce, ha risposto nel suo solito modo quando ci incontravamo agli eventi del settore, con un grande abbraccio e un bacio. Ci mancherà tristemente. Lo rispetto come una delle più grandi voci nella storia della musica gospel, e i nostri cuori vanno alla sua famiglia”. Tara Griggs-Magee ( V.P./ Direttore Generale, Verity Records ).

“Il Rev. James Moore ha avuto una grande influenza sulla mia carriera musicale. Il suo effetto su questa industria non sarà mai dimenticato. Ringrazio e lodo Dio per aver avuto il piacere di conoscere, incontrare ed essere stato servito da lui e dal suo dono nella parola e nel canto. Mi mancherà tremendamente”. Min. Charles Woolfork.

“Era un grande unto che ha benedetto il mondo della musica con il potente dono del canto. Mancherà molto non solo a me, ma al mondo della musica gospel in generale”. Erick Matthews (alias Ematt).

“La grandezza del suo talento non sarà mai conosciuta, né l’impatto sulla miriade di vite che il ministero di James Moore ha toccato. Dotato e unto in modo unico, l’eredità di James Moore continuerà a vivere. Mi rallegro nel sapere che, sebbene assente da questo corpo, egli è presente con il Signore”. Jeffrey LaValley.

“È stato un onore lavorare con lui, specialmente sul progetto I Will Trust in the Lord. Ci mancherà tremendamente. Dio-Poppy, ti amiamo” Kevin Davidson (e Tonya e Kierra).

“È stato molto triste sentire della scomparsa di uno dei più grandi uomini di Dio. Ringrazio Dio per aver permesso che le nostre strade si incrociassero. James è e sarà sempre uno dei più grandi cantanti del mondo. Ho avuto l’onore di essere parte della sua ultima registrazione e attraverso quell’evento si è creata un’amicizia eterna. Ci mancherà davvero. Sto pregando per la sua famiglia, che Dio vi benedica”. Darius “Scatman” Twyman.

Potresti anche essere interessato agli argomenti

James Moore, il cantante gospel, è ancora vivo?

Moore aveva un amore genuino per i suoni tradizionali della chiesa, ma arrivò ad apprezzare anche la forma contemporanea in ascesa della musica gospel. Morì nel 2000, all’età di 44 anni….James Moore (cantante)Reverendo James MooreInformazioni generaliMorto il 7 giugno 2000 (all’età di 44 anni)GeneriMusica gospelOccupazione(i) cantante gospel5 altre righe

Continua…

Dove si trova ora James Moore?

Moore per sfuggire alla pena di morte per il suo crimine di decenni fa. Inoltre, credo che questo risultato assicurerebbe che la giustizia continui ad essere servita alle vittime del signor Moore e alla famiglia Moss”. Moore ha ora 84 anni ed è imprigionato al Coxsackie Correctional Facility a Greene County.

Continua…

Quanti anni aveva il cantante gospel James Moore quando è morto?

44 anni (1956-2000)
James Moore/Età alla morte

Continua…

Quale disabilità ha James Moore?

James soffre di paralisi cerebrale ma ha sempre rifiutato di essere definito da questo. Conosci qualcuno con una paralisi cerebrale? James ha detto: “Ho avuto un sacco di lotta personale, la mia lotta mentale. Non credevo di poterlo fare, ma non era per mancanza di tentativi.

Continua…

Dove è sepolto il reverendo James Moore?

È stato ispirato e allenato dalla dottoressa Mattie Moss Clark e dalle sorelle Clark e dal reverendo James Cleveland….Rev James Leslie Moore Sr.Birt.

Continua…

Quale chiesa frequentava il reverendo James Moore?

Chiesa di Dio in Cristo
Nato a Detroit, Michigan, il 1° febbraio 1956, Moore ha assorbito la musica che emanava dalla Motor City. La leggenda del gospel e imprenditrice di Detroit Elma Lois Hendrix Parham incoraggiò il giovane Moore ad unirsi alla Chiesa di Dio in Cristo (COGIC), dove studiò la tecnica musicale della dottoressa Mattie Moss Clark.

Continua…

Ryan in Emmerdale ha una paralisi cerebrale?

Prima di entrare in Emmerdale, si è laureato in fotografia e ha studiato al National Youth Theatre. Ha una paralisi cerebrale atassica ed è un grande sostenitore della rappresentazione della disabilità nei media, ma ha quasi rinunciato al suo sogno di recitare prima di iniziare.

Continua…

Chi è James Moore Independent?

James Moore è il principale commentatore economico di The Independent e un editorialista di Independent Voices. Scrive quotidianamente per la sezione business del titolo su affari, finanza ed economia.

Continua…

Che malattia ha James Moore?

James Moore è stato incoronato miglior esordiente ai National Television Awards per il suo ruolo di Ryan Stocks in Emmerdale. L’attore, che viene da Cheltenham, ha una paralisi cerebrale atassica e ha lottato per trovare parti dopo aver lasciato l’università.

Continua…

Qual era la malattia di James Moore?

Il giovane attore, che ha una paralisi cerebrale atassica, ha quasi rinunciato al suo sogno di recitazione perché credeva che la mancanza di ruoli disabili nell’industria avrebbe ostacolato le sue possibilità. “Per avere dei ruoli ci devono essere dei ruoli per disabili sviluppati, quindi ero come se questo potesse frenarmi un po'”, ha detto James nel 2018.

Continua…

In cos’altro ha recitato James Moore?

James Moore (XCIV)Noto per. Emmerdale Farm Ryan Stocks (2018-2021)Emmerdale Family Trees Self (2020)Celebrity Supply Teacher Self (2020)Celebrity Chase Self – Contestant (2020)Attore. Emmerdale Farm Ryan Stocks (2018-2021)

Continua…

Ryan di Emmerdale è davvero disabile?

James è nato il 15 agosto 1992, quindi ha 29 anni. Aprendo sulla sua disabilità a Disability Horizons, ha detto: “Quindi, in primo luogo, ho una paralisi cerebrale (CP), ma è CP atassico, il che significa fondamentalmente che ho difficoltà con il movimento e la coordinazione.

Continua…

Chi è Lawrence Robb?

Lawrence Robb è nato nel 1991 e ha 29 anni. L’attore viene da una città chiamata Kilmacolm, che si trova a circa 45 minuti a nord ovest di Glasgow, e lì ha studiato teatro musicale. Prima del suo ruolo in Emmerdale, i fan della TV potrebbero riconoscerlo per aver interpretato Matt nella commedia drammatica di Sky I Hate Suzie, in cui recitava anche Billie Piper.

Continua…

Moira e Mackenzie sono parenti nella vita reale?

Ma i due non sono imparentati. Prima del suo ruolo in Emmerdale, la star ha interpretato Matt nella commedia drammatica di Sky I Hate Suzie, interpretata anche da Billie Piper.

Continua…

Mac in Emmerdale è davvero scozzese?

Lawrence Robb è nato nel 1991 e ha 29 anni. L’attore viene da una città chiamata Kilmacolm, che si trova a circa 45 minuti a nord ovest di Glasgow, e lì ha studiato teatro musicale.

Continua…

In cosa ha recitato Paige Sandhu?

Carriera. Sandhu ha fatto il suo debutto televisivo nella soap opera della BBC Doctors e nel dramma della ITV Endeavour. Nel settembre 2020, è stato annunciato che Sandhu era stato scritturato nella soap opera ITV come Meena Jutla, la sorella del personaggio stabilito Manpreet Sharma (Rebecca Sarker).

Continua…

Articolo precedente

Come si tiene caldo il buffet?

Articolo successivo

Qual è il significato di sistema tegumentario?

You might be interested in …

Qual è il trattamento della tiroidite subacuta?

(Tiroidite di de Quervain; Tiroidite a cellule giganti; Tiroidite granulomatosa) , MD, MS, Scuola di Medicina David Geffen alla UCLA Sintomi e segni della tiroidite subacuta C’è dolore nella parte anteriore del collo e febbre. […]

Il materiale ereditario è DNA o proteina?

NCBI Bookshelf. Un servizio della National Library of Medicine, National Institutes of Health. Alberts B, Johnson A, Lewis J, et al. Molecular Biology of the Cell. 4a edizione. New York: Garland Science; 2002. Per accordo […]