21 Gennaio 2022

Trova la risposta a qualsiasi domanda

Expand search form

Cosa significa “degli oggetti”?

La vita, come tutti sappiamo, ha i suoi alti e bassi. Normalmente gli alti sono lievi, i bassi sono lievi, ma tutti noi attraversiamo fasi, che siano giorni, mesi o addirittura anni, in cui le cose non sembrano andare affatto bene. Questo può essere molto logorante per lo spirito umano.

Linea del pane - Dayton (LOC) (Credito fotografico: Biblioteca del Congresso)

In tali circostanze cominciamo a notare tutto ciò che è male o non va, non solo nelle persone intorno a noi, ma in noi stessi. Tutto comincia a sembrare un po’ opprimente. La nostra fede nell’umanità è scossa, così come la nostra fede in noi stessi. Walt Whitman ha attraversato questi momenti, e ha scritto questa poesia che esprime le preoccupazioni con se stesso (O me!) e con l’esistenza in generale (O vita!) – da qui il suo titolo, O me! O vita!

Ne parlerò in parti:

O ME! O vita!… delle domande di queste ricorrenti;
Degli infiniti treni dell’infedeltà, delle città riempite dagli stolti;
Di me stesso che mi rimprovero sempre, (perché chi più sciocco di me, e chi più infedele?)

Whitman non solo riflette ma profondamente sente le domande associate al proprio essere e alla vita di cui si fa parte, le grandi domande che continuano a ripetersi. Pensa alle masse di persone che lo circondano, gli “infiniti treni degli infedeli”, cioè le lunghe file di persone che tradiscono le nostre speranze e aspettative su di loro. Pensa alle città piene di stolti (esistevano allora, esistono adesso), e considera come si rimprovera costantemente di non essere all’altezza delle proprie nozioni di ciò che dovrebbe essere e di come dovrebbe agire nel mondo. Vede tutti gli altri esseri umani sciocchi, infedeli e fallibili, e si considera non migliore, non meno sciocco e infedele di loro.

Degli occhi che invano bramano la luce, degli oggetti meschini, della lotta sempre rinnovata;
Degli scarsi risultati di tutti, della folla pletorica e sordida che vedo intorno a me;
Degli anni vuoti e inutili del resto – con il resto io intrecciato;

Pensa a come i nostri occhi – sia fisici che spirituali – bramano “vanamente” (invano) la luce che illuminerà le nostre vite oscurate e ci permetterà in qualche modo di vedere un qualche significato in tutto ciò, un qualche significato redentore. Egli pensa agli “oggetti meschini”, che possiamo prendere non solo come la brama degli esseri umani per cose che non durano e non soddisfano, ma anche come gli oggetti indegni (obiettivi) del nostro sforzo, obiettivi che non sembrano alla fine valere la nostra fatica per raggiungerli.

Egli considera la “lotta sempre rinnovata”, dei nostri costanti sforzi e fatiche per ottenere questa o quella cosa, questa o quella posizione nel mondo, o semplicemente per sopravvivere, per avere cibo in tavola e un tetto sulla testa. E riflette sugli “scarsi risultati di tutti”, su come le cose non sembrano andare come vorremmo, su come anche i premi più preziosi sembrano perdere il loro splendore una volta raggiunti. E pensa alle folle “pesanti e sordide” che vede intorno a sé – le persone intrappolate nella corsa al successo della vita, le persone che ce l’hanno fatta grazie alle spalle degli altri, i molti altri che hanno fallito in un modo o nell’altro o sentono di aver fallito, coloro che non ce l’hanno fatta e hanno ceduto al torpore dello spirito o alla triste disperazione.

Pensa agli “anni vuoti e inutili” che le persone passano nella loro spesso vana ricerca di questa o quella meta, alla loro frustrazione nel non raggiungerla; agli anni sprecati di vite apparentemente senza risultato o scopo o punto. Ed egli si annovera tra loro, si sente parte di loro, “con il resto io intrecciato”.

Tutto questo fa emergere le grandi domande ricorrenti. Che cos’è tutto questo? Qual è il mio posto? Ne ho uno?

La domanda, o me, così triste, ricorrente: quale bene in mezzo a queste, o me, o vita?

La domanda ci viene sempre di nuovo: in mezzo a tutti gli sforzi e le delusioni e la sordidezza e la meschinità della vita, che cosa c’è di buono in tutto questo, a che cosa serve al poeta stesso esistere, che senso ha?

frantumazione-1

Whitman dà a noi e a se stesso una semplice risposta:

Risposta.

Che sei qui – che la vita esiste, e l’identità;
Che il gioco potente va avanti, e tu contribuirai con un verso.

Ci dice che l’esistenza stessa è la ragione d’essere – che la vita esiste è di per sé sufficiente, e che in questa vita abbiamo identità – siamo quello che siamo. Tra tutte queste masse ce n’è una che si chiama Walt Whitman, ed è un attore nella grande commedia che è la vita, quel vasto, continuo poema che è la vita; e ogni umano, come Whitman, vi contribuirà con un verso. Ogni vita individuale, in qualsiasi direzione vada, che sia vista come successo o fallimento dagli altri o da se stessi, è un verso in quel poema di moltitudini. Che tutti noi facciamo la nostra parte e contribuiamo con i nostri versi, ci dice Whitman, è sufficiente.

Ricordo sempre un cartone animato degli anni ’60 in cui si chiede a un presunto saggio: “Qual è la risposta al segreto dell’universo?”. E la risposta è: “La risposta al segreto dell’universo è non fare domande stupide”.

Potresti anche essere interessato agli argomenti

Cosa significa degli oggetti in Walt Whitman?

Immaginazione: L’immaginazione è usata per far percepire ai lettori le cose che coinvolgono i loro cinque sensi. Per esempio, “Of eyes that vainly crave the light, of the objects mean, of the struggle ever renew’d” e “Of the poor results of all, of the plodding and sordid crowds I see around me.”

Continua…

Che cosa significa “degli scarsi risultati di tutte le plodding e sordide folle che vedo intorno a me”?

Dei miseri risultati di tutti, della folla affannosa e sordida che vedo intorno a me, … È Whitman che allude al pensionamento nel suo riferimento a “gli anni vuoti e inutili del riposo” – cioè il “riposo” o il resto della propria vita quando si è lasciata la folla vivace e il mondo “plodding” del lavoro?

Continua…

A cosa si riferisce il “bramare vanamente la luce”?

In effetti, anche l’affermazione “occhi che invano bramano la luce” è un’espressione che le persone desiderano esistenze più luminose, ma le loro lotte per ottenere qualcosa di maggior valore sono “vane” perché non possono sfuggire all’oscurità che li circonda.

Continua…

Cosa significa che tu sei qui, che la vita esiste e l’identità, che il gioco potente continua e che tu puoi contribuire con un verso?

Che il gioco potente continua, e tu puoi contribuire con un verso. Whitman ci sta facendo sapere che il fatto che la vita esiste, dovrebbe fornirci abbastanza spinta per trovare uno scopo per esistere anche noi. Soprattutto, ci ricorda che è in questa vita, “questo gioco potente”, che ognuno di noi ha un ruolo fondamentale.

Continua…

Cosa significa quale sarà il tuo verso?

Pagina 1. “Quale sarà il tuo verso?” Hai letto questa poesia e ne hai sentito dei pezzi in Dead Poet’s Society e nelle pubblicità dell’iPad. Pone domande profonde che tutti noi facciamo quando non ci sentiamo degni, e fornisce una risposta profonda: Che tu sei qui, e che puoi contribuire con un “verso” a questo potente spettacolo che chiamiamo vita.

Continua…

Chi ha detto che non leggiamo e scriviamo poesia perché è carino Leggiamo e scriviamo poesia perché siamo membri della razza umana e la razza umana è piena di passione?

John Keating
John Keating: Non leggiamo e scriviamo poesie perché sono carine. Leggiamo e scriviamo poesie perché siamo membri della razza umana. E la razza umana è piena di passione. E la medicina, la legge, gli affari, l’ingegneria, sono attività nobili e necessarie per sostenere la vita.

Continua…

Cosa significa Oggetti in O Me O vita?

Whitman considera il fatto che tutti cercano solo egoisticamente o “vanamente” la “luce” o qualche comprensione di questa vita. “Luce” potrebbe anche significare qualsiasi tipo di situazione per far sembrare se stessi migliori. Gli “oggetti” che noi come persone bramiamo sono bisogni mondani o temporanei e non ci soddisferanno a lungo termine.

Continua…

In cosa crede la poesia di Walt Whitman?

Walt Whitman è il poeta del mondo americano – un successore degli ultimi tempi di Omero, Virgilio, Dante e Shakespeare. In Foglie d’erba (1855, 1891-2), ha celebrato la democrazia, la natura, l’amore e l’amicizia. Quest’opera monumentale cantava le lodi al corpo come all’anima, e trovava bellezza e rassicurazione anche nella morte.

Continua…

Quali sono i versi di Walt Whitman?

Qual è il mio scopo? Siamo qui, la vita esiste, e abbiamo un’identità con la quale dobbiamo modellare i nostri desideri. Il verso a cui si riferiscono Whitman e Robin Williams è l’eredità che si deve lasciare nel mondo. L’opera potente si riferisce al ruolo che abbiamo nella nostra vita per influenzare gli altri.

Continua…

Chi è l’oratore di O Me O vita?

Walt Whitman
Walt Whitman (1819-1892) pubblicò per la prima volta “O Me! O vita!” nell’edizione del 1867 della sua famosa raccolta Leaves of Grass. L’oratore della poesia si chiede che senso abbia vivere, quando il mondo è così brutto e rotto e nulla sembra mai migliorare.

Continua…

Che cosa significa gioco potente?

Il verso a cui si riferiscono Whitman e Robin Williams è l’eredità che devi lasciare nel mondo. Il gioco potente si riferisce al ruolo che abbiamo nella nostra vita per influenzare gli altri.

Continua…

La razza umana è davvero piena di passione?

E la razza umana è piena di passione. E la medicina, la legge, gli affari, l’ingegneria, queste sono attività nobili e necessarie per sostenere la vita. Ma la poesia, la bellezza, il romanticismo, l’amore, sono ciò per cui restiamo in vita.

Continua…

Quale sarà il tuo verso?

) – Quale sarà il tuo verso? – YouTube | Tempo – 0:40 [Inglese]

Continua…

Qual è la famosa battuta di Dead Poets Society?

Le migliori citazioni di Robin Williams in Dead Poets Society: ‘Carpe diem. Cogliete l’attimo, ragazzi. Rendete le vostre vite straordinarie’ | The Independent | The Independent.

Continua…

Cosa può dire Mary Oliver?

Allora lo dirò di nuovo. La foglia ha una canzone dentro. La pietra è il volto della pazienza.

Continua…

Articolo precedente

Come funzionano le penne rivelatrici di tensione?

Articolo successivo

Come posso ottenere un modulo de 2501?

You might be interested in …

Posso guidare fino a Glacier Point?

Glacier Point Road sarà chiusa a tutto il traffico in 2022 per riabilitare e migliorare la strada. L’unico accesso a Glacier Point sarà attraverso i sentieri Four Mile, Panorama e Pohono, che sono tutte escursioni […]

Qual è il sistema politico in Romania?

C’è il suffragio universale per tutti i cittadini dai 18 anni in su. Prima della rivoluzione del 1989, il Partito Comunista di Romania era sancito come l’unico partito politico legale e la forza principale nella […]