24 Gennaio 2022

Trova la risposta a qualsiasi domanda

Expand search form

Qual è il sistema politico in Romania?

C’è il suffragio universale per tutti i cittadini dai 18 anni in su. Prima della rivoluzione del 1989, il Partito Comunista di Romania era sancito come l’unico partito politico legale e la forza principale nella società rumena. La costituzione del 1991 ha sostituito la regola del partito unico con un sistema democratico e pluralista, ma gli ex comunisti hanno mantenuto la preminenza nella politica attraverso la formazione di partiti come il Partito Socialdemocratico (Partidul Social Democrat; PSD). I partiti risalenti a prima della seconda guerra mondiale sono stati riportati in vita, in particolare il Partito Nazionale Liberale (Partidul Național Liberal; PNL) e il Partito Nazionale Contadino (Partidul Național Țărănesc; PNT), che con partiti anticomunisti minori hanno formato la Convenzione Democratica di Romania (Convenția Democrată Română; CDR). Il Partito Democratico Liberale (Partidul Democrat-Liberal; PDL) emerse come un nuovo partito centrista all’inizio del XXI secolo. Ci sono anche partiti che rappresentano gli ambientalisti, i nazionalisti rumeni, la minoranza ungherese della Romania e i rom.

Sicurezza

La forza di polizia rumena è organizzata a livello nazionale sotto il Ministero dell’Amministrazione e dell’Interno. C’è una forza di polizia nazionale, una gendarmeria nazionale (il ramo militare della polizia nazionale) e una forza di polizia di frontiera. I crimini gravi sono perseguiti dal Ministero della Giustizia.

A partire dal 1989, la Romania ha cercato di diventare parte dell’Organizzazione del Trattato Nord Atlantico (NATO). Nel gennaio 1994 divenne il primo paese dell’Europa orientale ad aderire al programma di partenariato per la pace della NATO, ma ci fu una diffusa delusione nel 1999 quando alla Romania fu negato l’ingresso nella NATO. In preparazione all’adesione, alla Romania, che occupa una posizione strategica sul Mar Nero, fu richiesto di firmare trattati di amicizia con i suoi vicini. Le truppe rumene sono state schierate in Afghanistan nel 2002 come parte della Forza Internazionale di Assistenza alla Sicurezza, e l’anno successivo la Romania si è unita alla coalizione guidata dagli Stati Uniti che ha occupato l’Iraq. Nel 2004 la Romania è stata ammessa alla NATO.

Salute e benessere

Durante il regime comunista, l’assistenza medica era fornita gratuitamente dallo stato, e i fondi pubblici erano destinati anche alle pensioni e ai luoghi di cura per bambini e lavoratori. La qualità del servizio medico migliorò con la formazione di più medici e la costruzione di ospedali nelle città principali e come risultato dei nuovi farmaci che divennero disponibili dalla crescente industria farmaceutica del paese. Dall’inizio degli anni ’70, l’aspettativa di vita dei rumeni è leggermente aumentata; tuttavia, è ancora inferiore alla maggior parte degli altri paesi dell’Europa centrale e orientale, con l’eccezione della maggior parte dei paesi dell’ex Unione Sovietica. I servizi medici soffrirono del programma di austerità degli anni ’80, quando fu data priorità al rimborso dei debiti esteri. Il numero di medici e dentisti pro capite, che era aumentato rapidamente dal 1970 al 1985, non è riuscito a tenere il passo con la crescita della popolazione. Il personale ausiliario è effettivamente diminuito tra il 1985 e il 1990. Anche le cure mediche per gli anziani furono limitate durante gli ultimi anni dell’era Ceaușescu.

Una forte inflazione, le difficoltà di un’economia in transizione e la concomitante mancanza di risorse da parte del governo per affrontare l’impoverimento del servizio sanitario nazionale hanno fortemente colpito il sistema sanitario durante gli anni ’90. La pratica di dare ai bambini sottopeso microtrasfusioni di sangue non controllato ha fatto sì che un gran numero di essi risultasse positivo all’HIV (virus dell’immunodeficienza umana), che causa l’AIDS (sindrome da immunodeficienza acquisita). All’inizio del XXI secolo, la trasmissione del virus da madre a figlio era la causa principale della diffusione del virus. Questo periodo ha anche segnato dei cambiamenti nella fornitura di assistenza sanitaria, in quanto le pratiche mediche e farmaceutiche private hanno iniziato lentamente ad emergere, anche se la maggior parte degli ospedali sono ancora di proprietà dello Stato. Un disegno di legge che avrebbe aumentato la privatizzazione del sistema sanitario è stato proposto all’inizio del 2012, ma le proteste diffuse hanno portato al ritiro della proposta e alla caduta del governo del primo ministro Emil Boc.

Sotto il governo comunista, al fine di mantenere la crescita della popolazione, l’aborto e la contraccezione sono stati resi illegali, e un gran numero di bambini indesiderati sono stati messi in orfanotrofio. Le terribili condizioni di questi orfanotrofi hanno attirato l’attenzione di molti enti di beneficenza internazionali e agenzie di adozione; tuttavia, la mancanza di risorse della Romania, unita a politiche poco chiare e a una legislazione incoerente, ha ritardato una soluzione al problema degli orfani rumeni e dei bambini di strada. Dagli anni ’90 le condizioni sono generalmente migliorate negli orfanotrofi statali della Romania (che erano più di 200 all’inizio del XXI secolo). Inoltre, nel 2004, per porre fine alla corruzione nel sistema, il governo rumeno ha approvato una legge sul benessere dei bambini che proibisce l’adozione internazionale di orfani rumeni.

Alloggi

Dal 1991 un numero significativo di nuove case è stato costruito in tutto il paese. Gran parte del boom edilizio è stato spinto dall’emergere di un mercato immobiliare e da un accumulo di ricchezza dovuto a un’economia di libero mercato. La maggior parte del reddito è stata spesa in case unifamiliari nei sobborghi di Bucarest e in seconde case e ville nelle zone rurali. L’abitazione tipica dei contadini nei villaggi rurali è una capanna di una o due stanze costruita con materiali disponibili localmente: legno, pietra, biada o fango con copertura di stucco.

Educazione

Durante il periodo comunista, l’istruzione in Romania era strettamente controllata dallo stato e rifletteva l’ideologia socialista ufficiale del paese. Dopo la rivoluzione, l’istruzione privata è stata permessa, ma era in gran parte limitata all’istruzione superiore. Sotto il Ministero dell’Educazione, la scuola è generalmente obbligatoria fino a 16 anni, e più di nove decimi della popolazione è alfabetizzata.

L’istruzione superiore è fornita da università, scuole politecniche, scuole professionali e altri istituti. Lo studio universitario dura tradizionalmente da quattro a sei anni, a seconda della particolare disciplina, ed è modellato sul sistema francese, con grandi aule. Le critiche a questo sistema e l’interesse per una maggiore interazione studente-docente hanno attirato alcuni studenti verso le varie università private che sono state fondate dopo il 1989. Tuttavia, la maggior parte degli studenti frequenta le università statali. Le principali università rumene sono l’Università di Bucarest (1864), l’Università Tecnica di Iași (1937) e l’Università Tecnica di Cluj-Napoca (1948). La più grande università tecnica della Romania è l’Università Politecnica di Bucarest, fondata nel 1818 come Scuola Nazionale di Ponti, Strade e Miniere. Altre università politecniche si trovano nelle città di Brașov, Craiova, Oradea, Suceava e Timișoara. Ci sono anche scuole pubbliche che si rivolgono alle minoranze nazionali. L’Università Babeș-Bolyai (1956), a Cluj-Napoca, è un’università multiculturale, che offre corsi in rumeno, ungherese, tedesco e romeno.

Vita culturale

Ambiente culturale

Ogni regione geografica della Romania ha la sua propria cultura, che riflette ed è il prodotto della storia regionale. La Transilvania e il Banato sono stati governati per molti secoli dall’Austria e dall’Ungheria, e la loro architettura riflette gli stili romanico, gotico e barocco. La Moldavia, nella Romania orientale, ha una cultura che riflette la sua vicinanza all’Ucraina e alla Russia, anche se tracce di influenza tartara e di altre influenze dell’Asia centrale sono state identificate nella sua arte popolare. La loggia, un portico all’aperto che si è evoluto nel Mediterraneo, è stato incorporato per la prima volta nelle case in Romania in Walachia. La regione ha anche tradizionalmente assorbito influenze dall’impero bizantino e dal Medio Oriente islamico. Le minoranze ungheresi, tedesche e rom, che sono sparse in tutto il paese, mantengono le proprie tradizioni, che si riflettono nelle loro arti popolari, nella cucina e nei vestiti.

Potresti anche essere interessato agli argomenti

Che tipo di sistema economico ha la Romania?

La Romania ha un’economia mista che include una varietà di libertà privata, combinata con una pianificazione economica centralizzata e la regolamentazione del governo. La Romania è membro dell’Unione Europea (UE).

Continua…

Che tipo di stato è la Romania?

Repubblica
La Romania è uno stato nazionale sovrano, indipendente, unitario e indivisibile, la forma di governo è una Repubblica parlamentare con un regime semi-presidenziale. Il presidente rumeno è eletto direttamente per un mandato di cinque anni, per un massimo di due mandati.

Continua…

Che razza sono i rumeni?

Circa l’88,9% degli abitanti della Romania sono di etnia rumena, la cui lingua, il rumeno, è una lingua balcanica romanza, discendente dal latino con alcuni prestiti tedeschi, francesi, inglesi, greci, slavi e ungheresi. I rumeni sono di gran lunga il gruppo più numeroso di parlanti di una lingua romanza balcanica oggi.

Continua…

La Romania è ricca o povera?

Che tu sia ricco o povero, questi sono tempi molto strani e spaventosi….Advertisement.RankCountryGDP-PPP ($)48The Bahamas34,73249Latvia34,16950Turkey33,96351Romania33,833145 altre righe-Nov 30, 2021

Continua…

La Romania è il paese più povero d’Europa?

Più di un quarto della popolazione rumena vive con meno di 5,50 dollari al giorno, il più alto tasso di povertà dell’UE. … La Romania rimane uno dei paesi meno urbanizzati dell’UE: un gran numero di poveri – il 75% della popolazione – vive nelle zone rurali.

Continua…

Per cosa è conosciuta la Romania?

Le cose per cui la Romania è famosa sono: i Carpazi, lo scultore Constantin Brancusi, il vino, le miniere di sale, George Enescu, le fortezze medievali, Eugene Ionesco, le auto “Dacia”, Dracula, le foglie di cavolo ripiene, Nadia Comaneci, le dense foreste primordiali, il Mar Nero, Gheorghe Hagi, i campi di girasoli, i lupi e…

Continua…

Vivere in Romania è sicuro?

Non solo la Romania è un paese estremamente sicuro, ma la sua gente è incredibilmente disponibile e amichevole.

Continua…

Quanto è sicura la Romania?

RISCHIO GLOBALE: BASSO Per la maggior parte, la Romania è un paese sicuro in cui viaggiare ed è considerata una destinazione di viaggio accogliente, classificata tra i paesi più liberi da minacce del pianeta.

Continua…

Quali sono i problemi della Romania?

Solo il due per cento dei rumeni pensa che il terrorismo sia una minaccia per il paese….Quali sono le questioni più importanti che la Romania sta affrontando in questo momento? CaratteristicaQuota degli intervistatiDisoccupazione14%Criminalità10%Debito pubblico8%Ambiente e cambiamento climatico8%9 più righe

Continua…

Qual è il più grande problema della Romania?

La maggior parte degli intervistati in Romania ritiene che il più grande problema del paese nel 2020 sia il sistema sanitario, seguito dalla situazione economica del paese….Quali sono i problemi più importanti che la Romania sta affrontando in questo momento? CaratteristicaCondivisione degli intervistatiDisoccupazione14%Crimine10%Debito pubblico8%10 altre righe

Continua…

La Romania è considerata un paese del terzo mondo?

Secondo la prima definizione, alcuni esempi di paesi del secondo mondo includono: Bulgaria, Repubblica Ceca, Ungheria, Polonia, Romania, Russia e Cina, tra gli altri. … 1 Le principali aree metropolitane di un paese possono avere caratteristiche da primo mondo, per esempio, mentre le sue aree rurali hanno caratteristiche da terzo mondo.

Continua…

Si parla inglese in Romania?

La Romania è uno dei paesi in cui l’inglese è molto ben compreso e parlato, secondo una mappa internazionale elaborata da Education First.

Continua…

Qual è il livello di povertà in Romania?

Il tasso di povertà della Romania per il 2018 è stato del 10,90%, un calo dell’1,9% rispetto al 2017. Il tasso di povertà della Romania per il 2017 è stato del 12,80%, un calo del 4,6% rispetto al 2016. Il tasso di povertà della Romania per il 2016 è stato del 17,40%, un calo del 5,5% rispetto al 2015.

Continua…

Quali sono i problemi ambientali in Romania?

L’inquinamento dell’aria e dell’acqua causato dall’industria sono gravi problemi ambientali in Romania. Le fabbriche, gli impianti chimici e le centrali elettriche del paese dipendono pesantemente dalla combustione di combustibili fossili, un processo che emette alti livelli di anidride carbonica e biossido di zolfo – un componente chiave delle piogge acide.

Continua…

Qual è la principale religione in Romania?

La più grande confessione religiosa è la Chiesa ortodossa rumena. Tra l’80 e l’85% della popolazione appartiene alla Chiesa ortodossa, una delle fedi riconosciute.

Continua…

Articolo precedente

La sulfasalazina causa fotosensibilità?

Articolo successivo

Qual è un buon modo per pulire un divano in microfibra?

You might be interested in …

Cosa sono i feromoni usati nella IPM?)

La gestione integrata degli infestanti (IPM) è un approccio efficace e sensibile all’ambiente alla gestione degli infestanti che si basa su una combinazione di pratiche di buon senso. I programmi IPM utilizzano informazioni attuali e […]

Come faccio a sapere se ho un Turbo 400?

Il TH400 è una trasmissione automatica a tre velocità con rivestimento in alluminio prodotta da GM. È stato introdotto per il 1965 anno modello e fece il suo debutto nelle Cadillac, ed è rispettato per […]